Benvenuto

Quando si prenotano vacanze fuori dal territorio Europeo occorre prima di tutto documentarsi su internet sia sui prezzi che offrono i vari paesi e sia sulla situazione politica nel momento in cui si prenota. Parlando di Maldive dunque dobbiamo avere le idee ancora più chiare perché l’arcipelago è pieno di isole e singoli atolli, ormai attrezzatissimi per favorire la vacanza ideale del turista. Una soluzione economica è l’isola di Maafushi, di appena 350 x 1.500 metri, collocata ad appena 30 minuti di barca (Speed Boat) dall’aeroporto di Malè, quindi è molto comodo e agevole arrivarci.

Maafushi è l’isola Low Cost per eccellenza

È un’isola che accoglie circa 2.000 abitanti, molti dei quali sono semplici pescatori e i restanti albergatori che tengono a ospitare gli stranieri ma anche ragazzi provenienti da paesi vicini come lo Sri Lanka e le Fillippine o il Bangladesh. In questa isola dovrete dimenticarvi dei  resort a 5 stelle e le atmosfere rilassate da riviste perchè a Maafushi si vivono le Maldive più autentiche e low cost, con il contatto piacevole e vero della popolazione locale.

Uno dei lati positivi è anche la buona scelta di bar e ristoranti, con la possibilità di variare nel corso della vacanza e provare la vera cucina maldiviana, cosa non sempre possibile in un resort, anche se gli hotel più famosi dell’isola applicano un menù abbastanza internazionale anche seno non mancano prodotti tipici e locali prevalentemente piccante.

Nel nuovo millennio, il top è costituito dalle Guest Houses, soluzioni più economiche degli hotel, ma molto più spartane in termini di servizio offerto e organizzazione interna. Tutto sommato semplici ma dispongono di ariose camere con vista sul mare, e l’immancabile wifi gratuito.

Nel mio trascorso a Maafushi vi posso consigliare il WhiteShell Island Hotel & Spa che offre numerosi escursioni a prezzi davvero irrisori, un personale simpatico e molto disponibile. Non ho provato direttamente questa  Guest House poiché ho alloggiato in un Hotel poco vicino chiamato Crystal Sands anch’esso molto valido e con prezzi contenuti. Nel l’isola sono comunque presenti almeno altri due Hotel di spessore e con un ottima reputazione come il Kaani Beach Hotel e il Arena Beach Hotel.

L’isola è avvolta da spiagge con sabbia bianca, anche se la loro purezza non raggiunge quella degli atolli più blasonati. Tanto in inverno quanto in estate, il mare si mostra limpido e la barriera corallina non è distante e per chi ama lo snorkeling i reef più vicini a Maafushi sono davvero notevoli, il mio consiglio e di fare anche le stesse escursioni più di una volta perchè la natura offre ogni giorno cose diverse.

Escursioni a Maafushi

Maafushi, come abbiamo visto, si configura come un fazzoletto di terra, comunque piccolo, per cui al turista le stesse guide consigliano di fare escursioni, considerate che passeggiando per i vicoli dell’isola in neanche 30 minuti avrete esplorato 3/4 dell’isola considerando che in quest’ultima è presente uno dei due carceri di tutte le Maldive.

Suggestivo passarci davanti se siete fortunati potrete vedere i detenuti vestiti di arancione con manette ai piedi e ai polsi proprio come accadeva nella serie tv Prison Break. Certo lo capisco per un turista andare in un isola dove è presente un carcere probabilmente non è il massimo, ma invece è proprio questo che lo rende unica nel suo genere. Oltre ad essere sicura non è difficile vedere la polizia che gira con scooter controllando ogni centimetro dell’isola.

Ritorniamo a noi, come vi dicevo nell’isola sono presenti diversi tour praticamente si accavallano per quanto numerosi e tutti hanno un fine preciso, godere di un eden neanche lontanamente immaginabile. Negli isolotti interni all’atollo si possono praticare un’infinità di sport e attività che arrivano ad appassionare persino i più esigenti, lo snorkeling, le immersioni subacquee volte a esplorare fondali ricchi di flora e fauna anche se secondo me non è necessario praticare immersioni per vedere la bellezza della barriera corallina offerta dalle Maldive.

Incontrerete delfini, pesci tropicali di vario genere come il famoso Nemo e il Dory, simpatici squaletti il più delle volte inoffensivo, ma anche razze, mante, polpi e perchè no per i più fortunati anche il famoso pesce palla.

Chi non intende immergersi per paura, non abbiate timore, ad ogni escursione viene fornito a chi lo vuole gratuitamente il jacket ma anche pinne, maschera con boccaglio quindi non è necessario portarli da casa. Inoltre in ogni escursione sull’isola il pranzo è incluso nel prezzo.

Tra le escursioni più gettonate ci sono le Lingue di Sabbia, Turtle Reef, Banana Reef, Delfini Point, Manta point, Nemo point e la visita a Biyadhoo. Quasi tutte disponibili ad una cifra che si aggira dai 20 € ai 35 €.

Inoltre è possibile anche visitare i resort con cifre che ci aggirano dai 80 € massimo 100 € in base alle stelle del resort godendo di un intera giornata all inclusive compreso perciò di pranzo e bevande inclusi gli alcolici illimitati.

La spiaggia Bikini Beach

Maafushi è un avamposto spettacolare che sembra a tratti collocarsi fuori del mondo, al di là di ogni concezione. La popolazione locale è rispettosa ma vuole anche rispetto, ergo non è consentito viaggiare con bevande alcoliche in mano né stare in bikini nelle aree vietate, a meno che non si sia già a Bikini Beach, dove tutto è concesso ed è l’unica spiaggia dove si può evitare di indossare pareo e veline.

È comunque naturale sentire l’esigenza di dismettere i vestiti in un’isola dove la temperatura, sia nei giorni di pioggia sia in quelli più assolati, si attesta continuamente fra i 28 e i 33°C garantendo una sensazione di leggerezza ma mai di afa. Le folte schiere di palme con le loro squisite noci di cocco fanno ombra e anche il cibo locale non è male: si possono gustare ipocaloriche insalate di frutta e verdura, pietanze di carne e pesce e un tonno grigliato favoloso, la specialità dell’isola.

Questa è Maafushi, fattibile considerando i prezzi non altissimi, specialmente nella bassa stagione. Io ad esempio ho soggiornato nel periodo di giugno 2018 e devo dire che ho sempre trovato le giornate soleggiate, in dieci giorni ha piovuto solamente un giorno, eccetto ovviamente la notte dove le piogge possono essere più frequenti.

Infine ci tengo a precisare che leggendo tantissimi commenti e blog in cui si parla di come vestirsi o cosa indossare arrivati alla bikini vi posso rassicurare dicendovi che ormai la popolazione Maldiviana è molto aperta al turista non si fa nessun tipo di problema, quindi state tranquilli.

Portatevi il classico costume slip o short per l’uomo e il classico costume a 2 pezzi per la donna. Stessa cosa nell’abbigliamento non sono necessarie tutte quelle restrizioni che leggerete nei vari commenti di chi è stato.

E’ chiaro che il buonsenso è sempre la miglior arma da usare soprattutto in un paese in cui la religione principale è Islam che infondo non è poi cosi male quando conosci i veri valori di questa religione e non come la fanno apparire gli estremisti o alcune testate giornalistiche.

Come arrivare a Maafushi

Gli aerei della compagnia Emirates partono dalle principali città del mondo e fanno scalo a Dubai per giungere all’aeroporto di Malè in sole 4 ore di volo dal quale partono traghetti o barche dirette a Maafushi. Il consiglio è quello di mettersi sempre d’accordo con Hotel dove andrete a soggiornare.

Ogni giorno parte la speed boat che alla modica cifra di 25 € in 30 minuti vi porta a Maafushi ma per orari o ulteriori informazioni vi conviene sempre accordarvi con la Guest House o Hotel.

Related Posts

Male è una città caotica e ben diversa dall’immaginario di isola tropicale a cui siamo abituati ma...

Qundo si parla di Maldive la prima cosa che pensiamo è “sognare”. Non esiste viaggiatore che non...

Lorem ipsum vulputate mauris nostra praesent lobortis aliquet quis, tristique netus diam id iaculis...