Benvenuto

Isola del mito, sia quello di Teseo e Arianna che quello di Dedalo e Icaro, e delle spiagge più belle del Mediterraneo, Creta è la destinazione perfetta per una vacanza da sogno.

Essendo molto grande e ricca di storia, offre molte più attrazioni turistiche di altre famose isole greche: la lista essenziale di cosa vedere a Creta comprende – come ci si potrebbe facilmente aspettare – spiagge, musei e siti archeologici, ma anche suggestivi percorsi nel verde delle montagne, cittadine sul mare che mescolano elementi veneziani e bizantini, un corollario di incantevoli isole minori e molto altro ancora.

Riuscire a concentrare il meglio di Creta in una vacanza di una settimana non è impresa impossibile: segnatevi le 10 attrazioni da non perdere che vi presentiamo qui sotto e iniziate a organizzare la vostra vacanza.

Le province di Creta 

Creta

Essendo Creta un’isola molto grande, prima di partire è bene farsi un’idea della geografia dell’isola per poter pianificare il proprio itinerario di viaggio.

Spesso le guide turistiche suddividono le attrazioni turistiche in base alla zona, che in genere coincide con le quattro province amministrative (dette anche unità periferiche o prefetture):

Hania (capoluogo omonimo), a ovest
Lassithi (capoluogo Agios Nikolaos), a est
Iraklio (capoluogo omonimo), al centro-ovest
Rethimno (capoluogo omonimo), al centro-est

Città
Risultati immagini per chania creta

Chania (o Hania) è la seconda città più grande di Creta, dopo la capitale Iraklion, ma la più suggestiva: grazie ad uno straordinario connubio di cultura veneziana e turca, di cui potrete trovare evidenti tracce nella città vecchia. Il lungomare, con i palazzi che si affacciano sull’acqua e le dimore signorili trasformate in eleganti hotel e ristoranti tipici, vi ricorderà senz’altro la romantica Venezia. Affollata di turisti in estate e studenti dell’università nei restanti mesi dell’anno, Chania è una città sempre vivace e rappresenta un’ottima base per esplorare il lato occidentale dell’isola.

Rethimno

Anche la più piccola Rethimno mescola tracce di cultura veneziana e turca: passeggiando per la città vi imbatterete in palazzi che si affacciano sulle acque azzurre del Mediterraneo, una fortezza quattrocentesca, balconi fioriti, minareti e moschee. Il suo centro storico, perfettamente conservato, è un gioiellino da esplorare, compresa la sua vivace zona commerciale dove potrete darvi a un po’ di shopping o cenare in uno dei numerosi ristoranti.

Agios Nikolaos

Agios Nikolaos è la località turistica più glamour di Creta, con una gran quantità di boutique e negozi chic, ristoranti alla moda e caffetterie, che si mescolano alle taverne tradizionali e ai negozietti di artigianato e souvenir. Attirati dalle splendide spiagge nelle sue vicinanze e dalla quantità di strutture alberghiere, molti turisti scelgono la capitale della provincia di Lassithi, sul lato orientale dell’isola, come base delle loro vacanze.

La città in sé merita una visita: adagiata lungo la collina che scende verso la baia di Mirabello, Agios Nikolaos diventa magica la sera, quando le luci delle casette e degli edifici storici si riflettono sulla superficie blu del mare. Suggestiva è anche la vicina laguna del lago Voulismeni, dalla curiosa forma a bottiglia.

Spiagge

Risultati immagini per spiagge creta

Le incantevoli spiagge dell’isola sono il motivo principale per cui la maggior parte dei turisti viene in vacanza a Creta. Sono più di 300, molte delle quali sabbiose ma non mancano le spiagge di roccia. Inserite in contesti naturali particolarmente suggestivi e bagnate da un mare di un azzurro straordinario, le spiagge di Creta sono considerate tra le più belle di tutto il Mediterraneo.

Difficile scegliere la più bella tra le più belle, ma quasi tutti concordano sul fatto che si tratti di Elafonissi, una straordinaria spiaggia di sabbia bianca con sfumature rosa, bagnata da acque calme e trasparenti. La spiaggia è situata all’interno di un’area naturale protetta, istituita per proteggere animali ormai rari che nuotano in questo tratto di mare, come la tartaruga caretta caretta o la foca monaca, ed altre specie in via d’estinzione.

Palazzi

Non si può lasciare Creta senza aver visitato i luoghi del mito. Iniziate dal leggendario Palazzo di Cnosso, quello del celebre labirinto del Minotauro, personaggio mitologico metà uomo e metà toro che fu ucciso da Teseo con l’aiuto di Arianna (sì, quella del filo). Cnosso era la capitale dell’antica civiltà cretese e ciò è evidente dalla grandiosità del palazzo, costruito nel 1900 aC, più volte danneggiato e ricostruito. Quel che oggi si può visitare è un misto di rovine e di una controversa ricostruzione a cura dell’archeologo britannico Sir Arthur Evans, che secondo molti esperti non è fedele all’originale, ma il Palazzo di Cnosso con le numerose sale e i suoi meravigliosi affreschi rimane comunque un’attrazione imperdibile.

Un altro mito legato al Palazzo di Cnosso è quello di Dedalo e Icaro. Il primo è l’architetto che progettò il palazzo e che al termine dei lavori fu rinchiuso al suo interno assieme al figlio. Icaro tentò di scappare volando con ali di cera, ma si avvicinò troppo al sole, le ali si sciolsero ed egli cadde in mare.

Dedalo e Icaro

Meno grande e meno famoso di quello di Cnosso, il Palazzo di Festo è forse più scenografico: sorge su un altopiano che domina la pianura di Messara e comprende i resti di tre distinti palazzi.

Il pezzo forte del palazzo è il misterioso Disco di Phaestus, inciso con un simboli simili ai geroglifici egiziani il cui codice però non è ancora stato decifrato.

Museo Archeologico di Heraklion

La capitale dellʼisola, Iraklion (o Heraklion), non è forse non è la città più affascinante di Creta ma si riscatta del tutto grazie al suo straordinario Museo Archeologico, riaperto nel 2014 dopo una lunga e ben curata ristrutturazione.

Ospitato allʼinterno di un elegante palazzo in stile Bauhaus degli anni Trenta, il museo espone su due piani unʼimpressionante collezione che racconta 5500 anni di storia, dal neolitico al periodo romano, con un focus sulla civiltà minoica.

Tra le sale colorate del museo potrete ammirare ceramiche, gioielli, sarcofagi, affreschi e altri reperti provenienti dai siti di Cnosso, Agia Triada, Tylissos e Amnissos, in unʼaffascinante percorso che vi farà conoscere e comprendere la storia di Creta.

Unʼattrazione per tutti

Non vi intendete granché di storia antica? Il Museo archeologico potrebbe essere il miglior punto di partenza per saperne di più: verrete aiutati nellʼesplorazione del museo da un doppio approccio cronologico e tematico.

Se invece siete appassionati di storia dovete assolutamente visitare questo museo unico per la vastità e il valore della sua collezione.

Laguna di Balos

Nella top ten delle attrazioni di Creta non può mancare la sua meraviglia naturale, la famosissima laguna di Balos. È una laguna che si forma tra la splendida spiaggia di Balos e il promontorio di Capo Tigani, un isolotto di fronte alla spiaggia che nelle ore di bassa marea si può raggiungere a piedi camminando lungo una striscia di sabbia.

Il paesaggio è incredibile: riuscite ad immaginare una spiaggia di sabbia finissima dalle sfumature rosa, bagnata da un mare azzurrissimo che non teme confronti con i Caraibi e una vista magnifica sul promontorio e sulla più lontana isola di Gramvousa? Beh, se ci riuscite sappiate che vista dal vivo Balos è 100 volte più bella.

Se volete raggiungerla comodamente partecipate a unʼescursione in barca, ma molto più affascinante è arrivare in auto e raggiungere la spiaggia a piedi da Capo
Gramovusa: questʼultima soluzione richiede più tempo e più fatica, ma vi dà la possibilità di ammirare la laguna dallʼalto in tutto il suo splendore.

Palmeto di Vai

Quando il caldo si fa insopportabile e sentite il bisogno di un poʼ di fresco rifugiatevi a Vai. La graziosa spiaggia di Vai è circondata da una foresta di palme da dattero Phoneix Theoprastii, una specie protetta che cresce solo sullʼisola di Creta e in alcune zone della Turchia.

Dal fascino esotico, il palmeto di Vai è uno dei più grandi in Europa; una curiosità: “vai” significa proprio “palma”.

Gole di Samaria

Un completo cambio di scenario vi attende se abbandonate le spiagge e volete scoprire lʼaspetto selvaggio di Creta, con le montagne e i sentieri che percorrono lʼisola.

Il trekking più affascinante, anche se più turistico, è lʼescursione alle Gole di Samaria, inserite in un parco naturale omonimo: si tratta di un canyon lungo 16 km scavato da un fiume sul versante occidentale delle Montagne Bianche.

Dopo aver attraversato un bosco, camminerete lungo una fessura tra pareti rocciose che raggiungono anche 500 metri di altezza, mentre nel punto più stretto, noto come le Porte di Ferro, il sentiero la distanza tra le rocce è di appena tre metri.

Informazioni pratiche per visitare le Gole di Samaria

  • La camminata, seppur alla portata di tutti, è piuttosto impegnativa e non va presa con leggerezza.
  • No a sandali e infradito: per la vostra sicurezza indossate scarpe adatte al trekking.
  • Per lʼentrata alle gole è richiesto il pagamento di un biglietto dʼingresso.
  • Lungo il percorso troverete bagni, sorgenti dʼacqua potabile e aree di sosta.
  • È consigliabile portare con sé scorte di acqua e cibo.
  • Molte guida riportano che la lunghezza delle gole è di 18 km: in realtà questa è la distanza complessiva dal paese di Omalòs a nord e Aghìa Rumèli, sulla riva del mar Libico.

Isole Minori

Seppur Creta abbondi di attrazioni turistiche, sia paesaggistiche che culturali, molti turisti non resistono alla tentazione di visitare le vicine isole di Spinalonga e Chrissi.

Non è affatto una cattiva idea, perché queste due piccole isole sono estremamente affascinanti e meno turistiche rispetto allʼisola principale.

Spinalonga era in origine una colonia veneziana, poi conquistata dai turchi e, dopo lʼindipendenza greca, usata come lebbrosario. I malati in cura diedero vita ad una comunità con case, negozi, chiese di cui oggi restano suggestive rovine.

Lʼisola disabitata di Chrissi è perfetta per una romantica gita di un giorno: potrete prendere il sole indisturbati stesi su spiagge di sabbia rosa oppure fare una passeggiata al fresco tra alberi di pino e ginepro. Lʼisola è parte di unʼarea naturale protetta ed abbonda di flora e fauna.

Fonte articolo

Related Posts

Male è una città caotica e ben diversa dall’immaginario di isola tropicale a cui siamo abituati ma...

Quando si prenotano vacanze fuori dal territorio Europeo occorre prima di tutto documentarsi su...

Qundo si parla di Maldive la prima cosa che pensiamo è “sognare”. Non esiste viaggiatore che non...